Menu e pulsanti di navigazione nel catalogo pdf

Come creare un menu di navigazione interattivo nei cataloghi pdf.

Uno dei quesiti maggiormente richiesti durante i miei incontri con clienti e colleghi riguarda la possibilità di rendere più facilmente navigabile un documento pdf esistente. Cosa fare per rendere il mio catalogo pdf più usabile, navigabile, interattivo e soprattutto più interessante (e quindi efficace)?

Cosa rende la versione web più interessante di un catalogo cartaceo anche se questo è riccamente realizzato e concepito? Molte cose ma io penso che i motivi siano quelli che sto per elencare, i contenuti concepiti per il web rispetto ai cataloghi si caratterizzano per:

  • esistenza di collegamenti che mi consentono una consultazione non sequenziale dalla prima all’ultima pagina.
  • esistenza di strumenti di ricerca
  • informazioni organizzate (strutturate) con dettagli
  • interattività e multimedialità
  • distribuibilità e trasportabilità
  • costi di consultazione e distribuzione non legati al numero di destinari
  • altri che conoscete voi meglio di me…

Ora, quali di queste belle caratteristiche non sono tipiche dei vostri cataloghi in formato pdf tanto da farveli ritenete sostituti inadeguati del vostro contenuto web? Vediamo:

Collegamenti, pulsanti e link: normalmente questi non sono tipici dei file PDF ma… in realtà sono possibili e facilmente inseribili. I collegamenti web vengono automaticamente generati in fase di creazione del pdf per i testi che contengono un indirizzo come ad esempio www.powerdocs.it o info@powerdocs.it .
I collegamenti possono essere inseriti con appositi comandi di acrobat e associati a testo o immagini. I collegamenti possono essere associati ad azioni di pulsanti appositamente inseriti nel documento e questi possono essere collegamenti sia esterni (verso indirizzi web), sia a documenti e risorse esterne (ad esempio un’altro file pdf) oppure interni cioè in grado di far raggiungere una determinata pagina, vista o contenuto esistente nel nostro documento pdf.

Strumenti di ricerca: sono integrati normalmente nei migliori siti e cataloghi online e in quasi tutti gli strumenti di consultazione dei file pdf come ad esempio Adobe Reader ma raramente sono utilizzati perchè sconosciuti ai più o perchè ritenuti troppo complessi o imprecisi. Ma sarebbero molto più efficaci se le ricerche fossero semplificate e rese più immediatamente accessibili. I file pdf possono, con l’implementazione di apposite funzionalità, effettuare ricerche nei così detti bookmark, negli indici strutturati e, ovviamente, nel testo di tutto il documento.

Informazioni organizzate in indici: i documenti cartacei sono normalmente dotati di indici, i siti web di menu, i documenti pdf possono avere infiniti tipi di indici interattivi: quello alfabetico del catalogo, quello grafico/visuale tipico del web, quello interattivo con menu strutturato ad albero, quello che raggruppa i prodotti per… prezzo, colore, dimensione, linea, designer, eccetera. Tutti questi indici possono essere costruiti o resi interattivi sulla base dei contenuti del vostro catalogo.

Interattività e multimedialità: normalmente nessun catalogo pdf possiede video, filmati, animazioni in flash, pulsanti interattivi, ecc. Quelle che pochi conoscono è che tutto quello che consideriamo multimediale e interattivo può essere incorporato in un documento pdf ed essere mostrato e visualizzato solamente con Adobe Reader e null’altro su qualsiasi sistema operativo senza preoccuparsi di quali “plug-in” sono installati o meno nel sistema operativo.

I vostri documenti statici possono diventare navigabili, ricercabili, indicizzati, interattivi e multimediali, ecc.

Volete sapere come? CLICCATE QUI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *